«Randagi, primitivi e anarchici: i nostri sei anni di arte paracriminale»